Switch Language

Poesie: ‘a livella di Totò

Filtra

Poesie di Totò : 'a livella

Napoli e dintorni
La poesia più famosa di Totò è “‘A livella”, che è anche una delle più importanti poesie della letteratura napoletana.

Ne “A livella” Totò affronta ironicamente il tema della morte.

La poesia è ambientata in un cimitero. All’interno del camposanto rimane chiuso uno sventurato giunto per fare omaggio alla tomba della zia il giorno del 2 novembre, anniversario di commemorazione dei defunti. Il malaugurato visitatore assiste alla conversazione che avviene tra l’ombra di un marchese e quella di un netturbino, sepolti l’uno accanto all’altro. Il marchese ha un sepolcro fastoso ed il netturbino uno misero. Il marchese, disprezzando la sua vicinanza alla lapide di una persona così povera, polemizza e si lamenta col netturbino, reo solo di trovarsi accanto a lui.

Il netturbino dapprima è mortificato ma poi ammonisce il marchese affermando che, indipendentemente da ciò che si è in vita, col sopraggiungere della morte si diventa tutti uguali, grazie all’azione della morte-livella.

La poesia è la metafora della vita e della morte. Tutto è pareggiato con la morte; ricchezza e povertà, gioia e dolore, appunto come fa la livella, lo strumento usato dai muratori per unire due superfici diverse.

L’ispirazione per questa poesia nasce moltissimi anni prima, quando, per volere della mamma, l’undicenne Antonio De Curtis, chiamato da tutti Totò, fa il chierichetto nella Basilica santa Maria della Sanità. Proprio sotto la Basilica si trovano le Catacombe di San Gaudioso e lì Totò si reca spesso perché attratto da quel luogo magico e pieno di misteri. Sulle pareti di pietra grezza vi sono degli affreschi e uno in particolare colpisce Totò, quello che raffigura uno scheletro e ai sui piedi una clessidra, un libro, una corona e uno scettro. Nel 1964 Totò, avvertendo in qualche modo l’avvicinarsi della meta finale del suo viaggio, decide di scrivere “‘A Livella”. Egli mette su carta le sue riflessioni sulla raffigurazione vista da bimbo nelle Catacombe del quartiere Sanità. L’affresco mostra che niente ha senso con la morte perché essa rende tutti uguali. Nemmeno il potere, la cultura e la ricchezza possono avere la minima influenza dopo la morte.

La poesia “’A livella” è composta da 26 strofe per un totale di 104 versi, tutti endecasillabi in rime alternate.

'a livella di Totò: testo

Ogn'anno,il due novembre,c'é l'usanza
per i defunti andare al Cimitero.
Ognuno ll'adda fà chesta crianza;
ognuno adda tené chistu penziero.
Ogn'anno,puntualmente,in questo giorno,
di questa triste e mesta ricorrenza,
anch'io ci vado,e con dei fiori adorno
il loculo marmoreo 'e zi' Vicenza.

St'anno m'é capitato 'navventura...
dopo di aver compiuto il triste omaggio.
Madonna! si ce penzo,e che paura!,
ma po' facette un'anema e curaggio.

'O fatto è chisto,statemi a sentire:
s'avvicinava ll'ora d'à chiusura:
io,tomo tomo,stavo per uscire
buttando un occhio a qualche sepoltura.

"Qui dorme in pace il nobile marchese
signore di Rovigo e di Belluno
ardimentoso eroe di mille imprese
morto l'11 maggio del'31"

'O stemma cu 'a curona 'ncoppa a tutto...
...sotto 'na croce fatta 'e lampadine;
tre mazze 'e rose cu 'na lista 'e lutto:
cannele,cannelotte e sei lumine.

Proprio azzeccata 'a tomba 'e stu signore
nce stava 'n 'ata tomba piccerella,
abbandunata,senza manco un fiore;
pe' segno,sulamente 'na crucella.

E ncoppa 'a croce appena se liggeva:
"Esposito Gennaro - netturbino":
guardannola,che ppena me faceva
stu muorto senza manco nu lumino!

Questa è la vita! 'ncapo a me penzavo...
chi ha avuto tanto e chi nun ave niente!
Stu povero maronna s'aspettava
ca pur all'atu munno era pezzente?

Mentre fantasticavo stu penziero,
s'era ggià fatta quase mezanotte,
e i'rimanette 'nchiuso priggiuniero,
muorto 'e paura...nnanze 'e cannelotte.

Tutto a 'nu tratto,che veco 'a luntano?
Ddoje ombre avvicenarse 'a parte mia...
Penzaje:stu fatto a me mme pare strano...
Stongo scetato...dormo,o è fantasia?

Ate che fantasia;era 'o Marchese:
c'o' tubbo,'a caramella e c'o' pastrano;
chill'ato apriesso a isso un brutto arnese;
tutto fetente e cu 'nascopa mmano.

E chillo certamente è don Gennaro...
'omuorto puveriello...'o scupatore.
'Int 'a stu fatto i' nun ce veco chiaro:
so' muorte e se ritirano a chest'ora?

Putevano sta' 'a me quase 'nu palmo,
quanno 'o Marchese se fermaje 'e botto,
s'avota e tomo tomo..calmo calmo,
dicette a don Gennaro:"Giovanotto!

Da Voi vorrei saper,vile carogna,
con quale ardire e come avete osato
di farvi seppellir,per mia vergogna,
accanto a me che sono blasonato!

La casta è casta e va,si,rispettata,
ma Voi perdeste il senso e la misura;
la Vostra salma andava,si,inumata;
ma seppellita nella spazzatura!

Ancora oltre sopportar non posso
la Vostra vicinanza puzzolente,
fa d'uopo,quindi,che cerchiate un fosso
tra i vostri pari,tra la vostra gente"

"Signor Marchese,nun è colpa mia,
i'nun v'avesse fatto chistu tuorto;
mia moglie è stata a ffa' sta fesseria,
i' che putevo fa' si ero muorto?

Si fosse vivo ve farrei cuntento,
pigliasse 'a casciulella cu 'e qquatt'osse
e proprio mo,obbj'...'nd'a stu mumento
mme ne trasesse dinto a n'ata fossa".

"E cosa aspetti,oh turpe malcreato,
che l'ira mia raggiunga l'eccedenza?
Se io non fossi stato un titolato
avrei già dato piglio alla violenza!"

"Famme vedé..-piglia sta violenza...
'A verità,Marché,mme so' scucciato
'e te senti;e si perdo 'a pacienza,
mme scordo ca so' muorto e so mazzate!...

Ma chi te cride d'essere...nu ddio?
Ccà dinto,'o vvuo capi,ca simmo eguale?...
...Muorto si'tu e muorto so' pur'io;
ognuno comme a 'na'ato é tale e quale".

"Lurido porco!...Come ti permetti
paragonarti a me ch'ebbi natali
illustri,nobilissimi e perfetti,
da fare invidia a Principi Reali?".

"Tu qua' Natale...Pasca e Ppifania!!!
T''o vvuo' mettere 'ncapo...'int'a cervella
che staje malato ancora e' fantasia?...
'A morte 'o ssaje ched''e?...è una livella.

'Nu rre,'nu maggistrato,'nu grand'ommo,
trasenno stu canciello ha fatt'o punto
c'ha perzo tutto,'a vita e pure 'o nomme:
tu nu t'hè fatto ancora chistu cunto?

Perciò,stamme a ssenti...nun fa''o restivo,
suppuorteme vicino-che te 'mporta?
Sti ppagliacciate 'e ffanno sulo 'e vive:
nuje simmo serie...appartenimmo à morte!"